Questo sito utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito Web, accetti che possiamo collocare questi tipi di cookies sul tuo dispositivo.

Visualizzare i documenti sulla direttiva e-Privacy

Hai negato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Hai autorizzato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Riabilitazione miofunzionale

La Terapia Miofunzionale è una particolare forma di fisioterapia indirizzata alla rieducazione della deglutizione scorretta e al riequilibrio della muscolatura oro-facciale.

miof2Questa Terapia inizialmente era indirizzata alla prevenzione delle recidive dopo un trattamento ortodontico, ma poi si è dimostrata molto utile come complemento del trattamento logopedico.

Attraverso la regolarizzazione della pressione intra orale, si è mostrata in grado di eliminare problematiche di carattere otorino-laringoiatriche quali le otiti recidivanti e loro complicanze come l’ipoacusia periferica, gli acufeni, le vertigini, etc. Contemporaneamente, attraverso il ripristino della respirazione nasale, si è mostrata in grado di far regredire le infiammazioni adenoidee e tonsillari.

Inoltre, anche l’apparato digerente subisce i benefici effetti della rieducazione della deglutizione attraverso la scomparsa dell’aerofagia, caratteristica della deglutizione scorretta, ed attraverso la regolarizzazione della motilità intestinale.

Le ultime ricerche si sono poi rivolte allo studio dei benefici che ha la rieducazione della deglutizione insieme al riequilibrio muscolare, hanno sulla postura generale e sui cambiamenti dell’appoggio podalico e lo studio delle correlazioni tra la funzione linguale e le problematiche ormonali.

La rieducazione si fonda su esercizi di rieducazione muscolare della lingua e della bocca, d’insegnamento della deglutizione corretta e di condizionamento del subconscio.

Le tre fasi della terapia sono propedeutiche l’una all’altra, per un tempo che può andare dai sei mesi ad un anno e mezzo di trattamento, con incontri settimanali per almeno i primi tre mesi.

Il ruolo del terapista è quello di guida e spiegazione degli esercizi più adatti al paziente il quale, con volontà, dovrà però eseguire questi esercizi ogni giorno, in modo da poter permettere la progressione della terapia di settimana in settimana

Back to top