Questo sito utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito Web, accetti che possiamo collocare questi tipi di cookies sul tuo dispositivo.

Visualizzare i documenti sulla direttiva e-Privacy

Hai negato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Hai autorizzato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Osteopatia Cranio-Sacrale

Questa particolare tecnica fu scoperta nel 1899 dall’osteopata americano William Garner Sutherland, quando cominciò a 

William Garner Sutherlandstudiare le ossa del cranio e a osservare le superfici articolari che lo compongono. Ebbe così un’illuminazione, supponendo e poi dimostrando l’esistenza di una mobilità articolare dovuta alla presenza del “Meccanismo Respiratorio Primario”.

Il M.R.P. è un evento metabolico (aiuta gli scambi di gas tra cellule e tessuti), è sincrono , con un ritmo di 8- 12 cicli al minuto, e si manifesta in tutti i livelli cellulari: E’ fondamentale per la vita.

Questo esiste grazie alla presenza di cinque aspetti:

  1. Motilità inerente al cervello e al midollo: Oltre al movimento cardiaco e respiratorio, esiste anche un movimento legato al sistema nervoso. Vi sono una pulsazione ritmica del tessuto cerebrale e un particolare movimento di apertura e chiusura della corteccia cerebrale simile a quello della formazione dell’embrione. Sutherland osservò inoltre che questo movimento era presente nel corpo fino a venti minuti dopo la morte.

  2. Fluttuazione del liquido cefalo-rachidiano: Il liquor è un fluido che scorre sotto l’aracnoide e che bagna l’intero sistema nervoso, dalla corteccia al midollo spinale. Questo è prodotto in alcuni spazi specifici e riassorbito a livello cerebrale; crea un’onda di ampliamento e costrizione alla quale le ossa del cranio dovranno adattarsi con una certa plasticità.

  3. Mobilità delle membrane a tensione reciproca: La dura madre compone quattro setti membranosi, questi sono la falce cerebrale, il tentorio, la falce del cervelletto e il diaframma della sella. Questi hanno la funzione di assorbimento e supporto in caso di sollecitazioni meccaniche. Sono fondamentali come guida e limite nel movimento delle ossa del cranio.

  4. Mobilità delle ossa del cranio: Le ossa del cranio non crescono insieme e non si uniscono ma sviluppano bordi che ne permettono leggerissimi movimenti. Le superfici articolari esistono per il movimento; se questo non ci fosse, si svilupperebbe un’anchilosi (calcificazione delle articolazioni).

  5. Mobilità del sacro tra le iliache: Si tratta di una mobilità involontaria, diversa da movimento posturale del sacro di origine meccanica. Questo è dovuto al prolungamento fisico dell’influenza del M.R.P. per intermediazione della dura madre e della sua tensione.

Questa metodica consiste di leggere manipolazioni del cranio e del sacro sulla base di approfondite conoscenze della neuroanatomia e della biomeccanica cranio-sacrale. L’osteopata, attraverso specifiche tecniche, sente il movimento ritmico presente all’interno di tutti i tessuti e lo riequilibra in modo che risulti ampio, simmetrico e costante. Tutte le ossa del cranio (26) e il sacro devono esprimere un movimento sinergico di accompagnamento alla respirazione cranica e al movimento cerebrale: il compito dell’Osteopata è di liberare tutte le articolazioni in modo che tale movimento si manifesti in maniera fisiologica.

temp2 

Questa metodica consiste di leggere manipolazioni del cranio e del sacro sulla base di approfondite conoscenze della neuroanatomia e della biomeccanica cranio-sacrale. L’osteopata, attraverso specifiche tecniche, sente il movimento ritmico presente all’interno di tutti i tessuti e lo riequilibra in modo che risulti ampio, simmetrico e costante. Tutte le ossa del cranio (26) e il sacro devono esprimere un movimento sinergico di accompagnamento alla respirazione cranica e al movimento cerebrale: il compito dell’Osteopata è di liberare tutte le articolazioni in modo che tale movimento si manifesti in maniera fisiologica.

craniosacrale1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attraverso la terapia cranio-sacrale si hanno effetti sia a livello strutturale sia emozionale. Questo metodo è adatto a tutte le età,dai neonati agli anziani, per trattare vari disturbi :

  • Respiratori

  • Ormonali

  • Articolari

  • Uro-Ginecologici

  • Cardiaci e vascolari

  • Digestivi

  • Visivi e dell’orecchio medio

  • Posturali

  • Vertigini

  • Emicrania

  • Dolori cronici

  • Disordini del sistema nervoso Centrale

  • Affaticamento cronico

  • Disfunzioni post-operatorie, post-trauma e post-gravidanza

  • Disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare

  • Disturbi del sonno, iperattività del bambino, autismo

craniosacrale2 

Back to top