Questo sito utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito Web, accetti che possiamo collocare questi tipi di cookies sul tuo dispositivo.

Visualizzare i documenti sulla direttiva e-Privacy

Hai negato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Hai autorizzato che cookies siano registrati sul tuo computer. La decisione puo' essere modificata.

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Fisioterapia

Nel centro fisioterapico FISIOPOINT vi sono tutti i macchinari all’avanguardia ed è possibile usufruire di tutti i trattamenti fisioterapici da personale laureato e specializzato nelle varie metodiche. E’ possibile inoltre usufruire del servizio di Assistenza fisiotrerapica domiciliare in caso d’impossibilità  negli spostamenti.

Posturologia

Nel centro fisioterapico FISIOPOINT è presente personale qualificato,laureato e specializzato nelle maggiori tecniche di Rieducazione Posturale: Il metodo SOUCHARD ed il metodo MEZIERES. Tutti i pazienti sono seguiti in maniera sinergica dal Posturologo, dall’Osteopata e dal medico Ortopedico.

RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE (RPG)

Negli ultimi decenni le patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico hanno avuto un incremento esponenziale. Se si considera che disturbi quali il dolore del tratto lombare o cervicale della colonna interessa più dell’80% delle persone nell’arco della loro vita, è facile capire l’impatto negativo che tali patologie possono determinare.

In ambito terapeutico l’attenzione si è sempre più spostata su approcci di tipo conservativo anziché su interventi cruenti, accompagnati, questi ultimi, dal rischio operatorio, da un maggior numero di effetti collaterali e, spesso, da una mancata risoluzione della sintomatologia dolorosa. La terapia conservativa si basa, oltre che su trattamenti di tipo farmacologico e terapie fisiche, su diverse tecniche di kinesiterapia che hanno avuto notevole sviluppo nel corso degli anni e, per alcune di esse, vi è ormai una comprovata evidenza scientifica. È questo il caso della Rieducazione Posturale Globale (RPG) secondo il metodo sviluppato da Philippe Souchard (FIG. a destra). Si tratta di una tecnica riabilitativa volta al riequilibrio delle alterazioni delle tensioni muscolari e delle disfunzioni articolari del corpo umano.

La Rieducazione Posturale Globale è eseguita da terapisti specializzati tramite una prima attenta valutazione della postura del paziente, abbinata a un questionario riguardante il motivo di consulto, e dall’utilizzo di posture che permettono un allungamento progressivo delle catene muscolari coinvolte.

I principi fondamentali di questa tecnica sono tre:

  1. Individualità: Ogni individuo è diverso dall’altro e va quindi studiato nella sua unicità. Ogni patologia, osteo-muscolare o meno, può manifestarsi con un’infinità di sfumature diverse in ognuno di noi. Pertanto, il trattamento sarà individuale sulla persona e non standardizzato sulla patologia.
  2. Causalità: Il trattamento deve mirare alla risoluzione della causa originaria del problema, con annullamento dei compensi, e non del sintomo ultimo.
  3. Globalità: Il trattamento non deve interessare unicamente il distretto al cui livello si percepisce il sintomo ma tutti i distretti corporei collegati a esso.

Il trattamento si basa sull’allungamento muscolare e quindi un rilassamento delle catene contratte e irrigidite, eseguito in modo attivo dal paziente.  La catena muscolare è rappresentata da una serie di muscoli in continuità tra di loro e, ogni muscolo rappresenta un anello della stessa catena, comportandosi come un’unica struttura. Le principali catene muscolari sono:

  1. Catena posteriore
  2. Catena Antero-inferiore
  3. Catena Anteriore del Collo
  4. Catena Anteriore del Braccio

                                           

Si utilizzano diverse posture, in base al paziente e la sua problematica: “Rana al suolo” (supino sul lettino con le gambe flesse), “Rana in aria” (gambe flesse in alto tenute da un’asta di sollevamento), “Postura Seduta,” “Postura in piedi” e “Postura Ballerina”.  In questo modo le catene muscolari sono messe in allungamento per ottenere un riequilibrio globale delle fasce muscolari. Questo tipo di posture ha una ripercussione su molti settori, tra i quali motorio, statico, circolatorio, digestivo, respiratorio, mentale ed emozionale.

                  

La RPG trova ampio spazio di utilizzo non solo in campo fisiatrico per anomalie strutturali (scoliosi, iper-lordosi, iper-cifosi, varismo, valgismo, ecc.), algie (cervicalgia, dorsalgia, lombalgia e/o ernie e protrusioni discali), e limitazioni funzionali (post-traumatiche e post-operatorie), ma anche in campo respiratorio (per esempio, patologie che limitano la mobilità toracica e diaframmatica oppure disturbi nel ritmo respiratorio), ginecologico (per esempio, incontinenza urinaria) e neurologico (spasticità).

Osteopatia

L’Osteopatia

L’Osteopatia è una terapia di tipo manuale. Essa è complementare alla medicina classica e molto differente negli strumenti diagnostici e terapeutici. Si basa anche questa sulle materie mediche di base (anatomia, fisiologia etc.) ma, a differenza di questa, non prevede l’uso di farmaci né di chirurgia.

Il termine Osteopatia è stato coniato dal Dott. Still che scoprì le importanti relazioni che vi sono tra la struttura del corpo e le funzioni organiche. Lui basò la sua giovane scienza su alcuni principi fondamentali:

  • L'essere umano è un'unità dinamica di funzioni.
  • Il corpo possiede dei meccanismi di autoregolazione e autoguarigione.
  • La struttura governa la funzione.
  • L’arteria è suprema.

Si tratta di una terapia causale, cioè mirata alla ricerca della causa primaria, che potrebbe anche trovarsi lontano dal sintomo. Il compito dell’osteopata è di ricercare le zone del corpo in cui ci sono delle “disfunzioni somatiche”, cioè delle zone in cui ci sono riduzione del movimento e modificazione dei tessuti.

La parte fondamentale di questo metodo è, dunque, la diagnosi. Questa è composta di una prima anamnesi (storia clinica del paziente) e da un attento esame obiettivo (composto da test specifici).

Individuate queste zone, l’osteopata applica varie tecniche manipolative di tipo strutturale, muscolare, funzionale, fasciale, viscerale e cranio-sacrale.

L’osteopatia si rivolge a tutte le età, dai neonati agli anziani. Le patologie che tratta più di frequente sono i problemi strutturali e meccanici dell’apparato muscolo-scheletrico, e varie alterazioni funzionali a carico del sistema viscerale e del meccanismo cranio-sacrale. E’ efficace in varie patologie, tra cui: cervicalgie, lombalgie, sciatalgie, artrosi, discopatie, cefalee, dolori articolari e muscolari da traumi, alterazioni dell’equilibrio, nevralgie, stanchezza cronica, affezioni congestizie come otiti, sinusiti, disturbi ginecologici e digestivi.

L’osteopata utilizza diverse tipologie di tecniche:

  1. Il Trattamento generale osteopatico

  2. Manipolazioni articolari

  3. Tecniche a energia muscolare

  4. Tecniche funzionali

  5. Manipolazioni viscerali

  6. Tecniche cranio-sacrali.

Logopedia

I DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO

Che cosa sia la dislessia in realtà è conoscenza di poche persone e/o degli “addetti al lavoro”

( logopedisti, psicologici, pediatri e insegnati).

Saper leggere, scrivere e far di conto sono abilità molto semplici che si apprendonondono durante la scuola primaria, ma che per molti ragazzi sono difficili da imparare.

I dislessici vengono erroneamente etichettati come degli svogliati, nonostante un’intelligenza spiccata.

La dislessia quindi è un disturbo c he interessa le capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente e non è causata né da un deficit di intelligenza né daproblemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici. Il bambino dislessico, infatti, legge e scrive, ma poiché non è in grado di farlo in maniera autonoma spende al massimo le sue capacità e molte energie.

Un vero e proprio lavoro che stanca molto il nostro bambino che arriverà a commettere numerosi errori tali da non riuscire a stare di pari passo al gruppo classe e non imparando nulla.

La difficoltà di lettura si accompagna a problemi nella scrittura e nel calcolo.

Dislessia” è un termine cappello usato spesso erroneamente e lo si utilizza per indicare genericamente anche gli altri DSA (Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento).

I disturbi specifici di apprendimento hanno come caratteristica la specificità cioè un disturbo che interessa una precisa abilità dell’apprendimento lasciando intatte le competenze cognitive.

I DSA sono:

  1. La dislessia: disturbo specifico della decodifica della lettura (in termini di velocità e accuratezza), quindi la lettura è più lenta e/o meno corretta delle aspettative, in base all’età o alla classe frequentata

NON SO LEGGERE!!”, “ DEVO LEGGERE PROPRIO TUTTO? QUANTO è LUNGO….” Sono solo alcune affermazione fatte dai bambini con problemi di lettura mentre devono affrontare un testo.

Ricordiamo che la lettura è quella capacità, appresa nel corso del primo ciclo elementare che non ci permette solo di mettere in fila una serie di suoni che hanno un loro corrispettivo segno grafico (le parole), ma piuttosto darne loro un significato per arrivare poi alla comprensione di un testo.

Accade purtroppo che questo processo di apprendimento presenti qualche intoppo ecco perché si parla di dislessia.

Nonostante l’adeguata scolarizzazione e l’intelligenza nella norma, il bambino con dislessia mostra difficoltà ad automatizzare le procedure di transcodifica dei segni scritti in corrispondenti fonologici e questo riconoscimento lento e impreciso della parola scritta determina di conseguenza un mancato acceso al significato della parole stessa.

  1. La Disortografia , disturbo specifico della scrittura di natura linguistica (in termini di errori di ortografia):

Con il termine “scrittura” facciamo riferimento alla rappresentazione del linguaggio orale in un corrispettivo sistema alfabetico. In particolare nell’ortografie trasparenti come la nostra lingua la maggior parte dei suoni hanno una corrispondenza con un solo segno e il sistema ortografico permette la rappresentazione dei fonemi in grafemi e si basa sulle regole ortografiche della lingua.

Imparare a scrivere è un processo che si matura durante la scuola primaria dove il bambino apprende e acquisisce una serie di abilità cognitive e competenze grafo-motorie via via più evolute che andranno dalla semplice scrittura di parole sotto dettato fino alla stesura di un brano.

Come per la lettura anche questo processo può subire degli intoppi e quindi il bambino non riesce a tradurre in segno grafico i suoni che compongono le parole e ad automatizzare le regole ortografiche nonostante una corretta scolarizzazione . Inversioni , sostituzioni, omissioni e aggiunte di lettere e sillabe, errori ortografici e separazioni e/o fusioni illegali sono solo alcuni esempi di errori che caratterizzano la scrittura di un bambino disortografico.

  1. La Disgrafia: disturbo specifico della scrittura di natura grafomotoria (in termini di scrittura poco leggibile):

NON MI PIACE DISEGNARE!!” “ NON SONO CAPACE!!” “ LO FACCIO DOPO!!” …sono le affermazioni d alcuni bambini quando devono scrivere e/ o disegnare.

Le abilità visuo-spaziali e visuo-costruttive importati per una buona realizzazione del tratto grafico vengono già allenate nella scuola dell’infanzia attraverso le attività di disegno, di pregrafismo e etc.; accade però che a queste attività non venga data la giusta importanza e il bambino giunto alla scuola elementari possa presentare difficoltà del tratto grafico.

Per disgrafia si intende la difficoltà di organizzazione dei modelli motori cioè la parte esecutiva del processo di scrittura coinvolgendo esclusivamente il grafismo e non le regole ortografiche e sintattiche. Questo disturbo si manifesta con una rappresentazione scadente della grafia in bambini con intelligenza normale e in assenza di danni neurologici.

  1. La Discalculia disturbo specifico del sistema dei numeri e del calcolo.

Che la matematica non è un opinione è un dato di fatto e costantemente nella nostra quotidianità capita di trovarci di fronte a somme e sottrazioni che non ci convincono a prima vista o a scadenze che ricontrolliamo con il conteggio con le dita o di memorizzare cifre numeriche e a tabelline che ci confondono.

Tutto questo e molto di più è ciò che vivono chi ha difficoltà ad apprendere l’aritmetica.

Il bambino con discalculia non è bravo ad eseguire i calcoli a mente, non è in grado di verificare i risultati delle operazioni e di scrivere e/o leggere un numero correttamente; fallisce anche in quei compiti che richiedono velocità ed automatizzazione ( come conteggio entro la decina e tabelline) ed eseguire e selezionare le procedure di calcolo ( addizione, sottrazione e moltiplicazione).

La dislessia non solo impedisce di apprendere le basi fondamentali per la letto-scrittura e per le abilità di calcolo, ma può influire negativamente sull’autostima del bambino.

L’intervento immediato e precoce può avere una valenza di prevenzione del disturbo; è importante sapere che per diagnosticare un disturbo specifico di apprendimento bisogna aspettare la fine della seconda elementare per la letto-scrittura e la fine della terza elementare per la discalculia.

La diagnosi viene fatta da specialisti esperti, mediante specifici test.

La valutazione permette di capire finalmente che cosa sta succedendo ed evitare gli errori più comuni, come colpevolizzare il bambino (“non impara perché non si impegna”) o attribuire la causa a problemi psicologici. Si tratta di errori che comportano sofferenze, frustrazioni e scoraggiamento nel bambino.

Conclusa la valutazione e ottenuta la diagnosi, si possono mettere in atto aiuti specifici, tecniche di riabilitazione e di compenso attraverso l’aiuto di una logopedista, nonché alcuni semplici provvedimenti o di strumenti compensativi nell’ambito scolastico come disporre di tempi più lunghi per lo svolgimento dei compiti e l’utilizzazione della calcolatrice o del computer.
I dislessici hanno un diverso modo di imparare, ma comunque imparano ed hanno diritto di imparare!

Dietistica

Dott.ssa Giada Di Consiglio
Dietista

  • Elaborazione schemi dietetici personalizzati
  • Educazione alimentare
  • Valutazione della composizione corporea (massa grassa, massa magra, metabolismo di base, acqua corporea) con bioimpedenziometria.
  • DIETOTERAPIA per obesità, sovrappeso, malnutrizione per difetto, diabete mellito, problemi dell'apparato gastrointestinale (reflusso gastroesofageo, ernia iatale, colon irritabile, stipsi, disfagia, diverticolosi, morbo di Chron), ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, ipertensione, allergie e intolleranze alimentari (celiachia, intolleranza al lattosio), problemi renali, epatobiliari e pancreatici.
  • CONSULENZE NUTRIZIONALI per pazienti in età evolutiva, anziani, sportivi, gravidanza e allattamento, disturbi della sfera femminile (cistite, endometriosi, sindrome dell’ovaio policistico), disturbi gastro-intestinali.
  • FITOTERAPIA: In associazione alla dieta e personalizzata.

PACCHETTO PROMOZIONALE :

Prima visita comprensiva di anamnesi clinica e nutrizionale, misurazione dei valori antropometrici (peso, statura, circonferenze), analisi della composizione corporea con Bioimpedenziometria, consegna del piano alimentare (dopo qualche giorno).

+ 2 controlli con cadenza ogni 15-30 giorni

Si effettuano terapie a domicilio. Si riceve solo per appuntamento

Back to top